Pagina 1 di 1

poesiola n. 5

MessaggioInviato: 12/07/2013, 17:29
da tiziano
Dopo la parentesi della poesiona un po' bruttona riprendo la serie delle poesiole (ma tra poco la finisco perché mica sono un poeta laureato, ne ho scritte si e no una decina). Questa però è speciale, perché narra un fatto vero: fu mio figlio, allora infante, che una sera, seduto per terra mentre noi cenavamo, ad esclamare sorpreso che la luna era rotta, nel suo ancor primitivo idioma. Ancora mi commuovo...

LUNA ROTTA


Nero di notte nero di nulla
nero che si trastulla
col bianco
bianco della luna
tremula argentula
luna del poeta puella pallidula
luna del figlio che grida stupito
‘una è ‘otta ‘una è otta!
luna rotta falce di luna
ingoiata dal nero di notte
nero di nulla