Tante teorie, tanta confusione: ma chi siamo realmente

Tante teorie, tanta confusione: ma chi siamo realmente

Messaggioda larondinepuccini il 04/01/2012, 12:45

Qui sotto ho elencato alcuni termini utilizzati in filosofia con la loro definizione. A fianco, tra parentesi tonde, ho inserito delle domande su cui mi piacerebbe avere un vostro parere, anche solamente “si” o “no”.

1) Materia= la capacità di un corpo di assumere una determinata forma. (La materia dell’uomo è l’energia?)

2) Forma= l’attuazione della materia. (La forma dell’uomo è l’energia plasmata che ha assunto quella forma che vediamo allo specchio?)

3) Potenza= la predisposizione della materia ad assumere una certa forma. (L’energia ha la predisposizione ad assumere una certa forma?)

4) Atto/Sostanza = la forma stessa realizzata, ovvero la materia plasmata sotto l'azione della forma. (Se la sostanza è la forma realizzata, e se noi siamo sempre in potenza qualcos’altro, allora noi ancora non abbiamo una sostanza? E cosa abbiamo?)

5) Divenire= il passaggio dalla potenza all’atto. (Il nostro essere potenzialmente qualcos’altro spiega il divenire?)

6) Accidenti= quelle qualità che si possono aggiungere all'ente pur non mutandone la sostanza. (Quali sono questi accidenti per esempio?)

7) Sostanza= ciò che è nascosto all'interno della cosa sensibile come suo fondamento ontologico. (Cosa è nascosto all’interno dell’uomo?)

8) Essenza= ciò che la cosa è realmente. (L’uomo cos’è realmente?)

9) Essere= quella realtà al di là degli enti e dei fenomeni attraverso cui esso si manifesta. (Cos’è dunque questo essere?)

10) Esistenza= il modo contingente con cui l’essere si manifesta nelle apparenze e nei fenomeni. (Dunque noi esistiamo come apparenza e come fenomeno?)

11) Ente= tutto ciò che è o che può essere. (Noi siamo degli enti? Anche l’essere è un ente?)
larondinepuccini
 
Messaggi: 3
Iscritto il: 04/01/2012, 12:23

risposte superficiali

Messaggioda tiziano il 06/01/2012, 18:25

1) Materia= NO 2) Forma= NO 3) SI' 4) BOH 5 ) NO 6) come faccio a rispondere sì/no? Gli accidenti possono essere infiniti come gli incidenti; diciamo che ad esempio è accidentale la mia esistenza (e anche la tua) 7) ma parli dell'UOMO (che non ho il piacere di conoscere) o dell'essere umano (masch. e femm.)? Se ti riferisci all'essere umano direi che ci stanno dentro (?) un bel po' di cose, che tutte insieme compongono un gran casino 8) appunto: un gran casino 9) A te la scelta: un verbo? Un verbo nominale? Un sinonimo di "esistenza"? Un rompicapo per filosofi perditempo? Ah! la bella semplicità della grammatica: la predicazione di un soggetto.
10) ma l'apparenza non è il fenomeno, ovvero la rappresentazione di un'espressione? 11) ciò che esiste è ente (ex sistere: stare fuori - fuori da dove?) in quanto occupa una estensione, com'è che si dice: res extensa?

Cara la mia rondine, ti ringrazio per avermi scosso dal torpore delle festività, ma dove vuoi andare a parare con questo lessico aristotelico? Mi metti in difficotà perché veramente non so cosa rispondere, sono domande troppo profonde per uno superficiale come me :oops:

ciao, spero di rileggerti.
tiziano
 
Messaggi: 206
Iscritto il: 24/06/2010, 16:07

Re: Tante teorie, tanta confusione: ma chi siamo realmente

Messaggioda larondinepuccini il 08/01/2012, 12:23

Grazie per aver considerato i miei quesiti. Le tue risposte sono una conferma che sono fuori strada. Tuttavia, la mia ricerca è appena incominciata e non penso avrà una fine, almeno finché sarò vivo. Non penso che tu sia superficiale, se non altro perché hai risposto ad una domanda simile.

Buon Anno e tanta serenità!!!
larondinepuccini
 
Messaggi: 3
Iscritto il: 04/01/2012, 12:23

elogio della superficialità

Messaggioda tiziano il 08/01/2012, 22:58

Caro mio,

io sono superficiale, proprio perché ho filosoficamente scelto la superficialità. Per esempio rifiutandomi di pensare per dicotomie trascendentali quali essere/divenire, essere/ente, ecc.
Mi spiego. Hai presente la poesia di Montale "Meriggiare pallido e assorto presso un rovente muro d'orto...."?
Ebbene io non credo che il muro nasconda qualcosa, dietro c'è certamente l'ignoto, ma non un ignoto trascendente; quindi non mi curo dell'aldilà, di qualsiasi aldilà.
Piuttosto non farti fregare dall'idea romantica della ricerca infinita, perché la vita non è un "seguitare una muraglia che ha in cima cocci aguzzi di bottiglia" ;)

Domanda: e allora che si fa nella vita? La risposta non è originale perché l'ha già detto Whitehead:
1. vivere 2. vivere bene 3. vivere meglio, questo è il progetto, poi ognuno se lo riempie come vuole
tiziano
 
Messaggi: 206
Iscritto il: 24/06/2010, 16:07

Re: Tante teorie, tanta confusione: ma chi siamo realmente

Messaggioda larondinepuccini il 09/01/2012, 19:42

Uhm... L'agnosticismo non mi ha mai convinto. In ogni caso, spero anch'io di rincontrarti! GRAZIE!
larondinepuccini
 
Messaggi: 3
Iscritto il: 04/01/2012, 12:23


Torna a Filosofia contemporanea

cron